• 0 commenti

11 settembre: cosa accadde realmente al Pentagono?

Esattamente 13 anni fa, l’11 settembre 2001, mentre si scatenava il caos nel World Trade Center, non solo per gli impatti aerei, ma anche per le incomprensibili esplosioni che ebbero luogo praticamente per tutta la giornata, fino al crollo del WTC7, un terrorista di nome Hani Saleh Hasan Hanjour, definito peggio che un incapace dai suoi stessi istruttori di volo, i quali – affermano – non gli avrebbero messo per le mani nemmeno un cessna monomotore, è riuscito in un’impresa mai realizzata nella storia dell’aviazione, scagliando con precisione chirurgica un 757 della Boeing su di un fianco del Pentagono, volando raso terra a quasi 900 Km/h. Casualmente all’interno degli uffici della contabilità colpiti vi erano impiegati del Ministero della Difesa che stavano indagando sulla misteriosa scomparsa di 2,3 bilioni di dollari, i quali – aveva dichiarato il ministro Donald Rumsfeld in una conferenza stampa del giorno prima (10 settembre 2001)- erano spariti dalle casse del Pentagono.

L’aereo non era individuabile dai radar o non si è fatto nulla per fermarlo? La versione ufficiale dei fatti, fino alla testimonianza del ministro dei trasporti Norman Mineta nel 2004, era che l’aereo non si trovava. Poi la verità è magicamente cambiata, come dimostrato da quello che pare essere stato l’ordine di non-abbattimento del velivolo che si dirigeva verso il Pentagono.

Il giovane soldato di cui Mineta parla nel video è stato trovato, ma si è sempre rifiutato di parlare esplicitamente sulle vicende vissute da lui in prima persona quel giorno. Da quel che risulta, esiste un documento scritto in merito agli ordini che fu costretto ad eseguire quell’11 settembre, ma tale documento aspetta di essere desecretato.

11 settembre cosa accadde realmente al pentagono 11 settembre: cosa accadde realmente al Pentagono? Gaetano Bellissima

Di Gaetano

Lascia il tuo commento